+39 0464 517525
info@reginaarco.it

Arco
Via Pomerio, 3

Come curare l’ernia al disco

Come curare l’ernia al disco

Cos’è l’ernia del disco e come riconoscerla

L’ernia al disco è il processo di degenerazione dei dischi compresi tra le vertebre della colonna vertebrale. Tali dischi contengono una sostanza gelatinosa e hanno la funzione di mantenere nella posizione corretta le vertebre e garantirne la flessibilità. Con il loro danneggiamento ne consegue una perdita di capacità di ammortizzazione e un conseguente dolore alla schiena per chi ne è colpito. Tale dolore è causato dall’irritazione dei nervi presenti nella zona e sollecitati con lo spostamento dei dischi.

Ci sono casi in cui l’ernia del disco non si manifesta con sintomi evidenti o dolori. Questo succede se il disco è danneggiato solo in una sua piccola parte e quindi il suo spostamento non comporta un’eccessiva pressione sui nervi.
Purtroppo però la maggior parte di chi soffre di questo disturbo percepisce un dolore localizzato su un lato del proprio corpo. Inizialmente leggero, ma in costante aumento col trascorrere del tempo.

In relazione alla zona in cui è danneggiata la colonna vertebrale, è possibile distinguere sintomi diversi.
L’ernia del disco cervicale si manifesta con dolori, intorpidimento e formicolio a collo e braccia, debolezza muscolare.
L’ernia del disco lombare invece è accompagnata da mal di schiena e formicolio a glutei e gambe.

Da cosa è causata?

Non è chiaro cosa causi la rottura dei dischi vertebrali, ma sono stati rilevati alcuni fattori di rischio:

  • Età. Con l’avanzare degli anni è sempre più frequente, ma si è riscontrata una maggior incidenza nella fascia tra i 30 e i 50.
  • Genere. Gli uomini con ernia del disco sono il doppio rispetto alle donne.
  • Peso. Più è il peso che la nostra colonna vertebrale deve sorreggere e maggiore è la sollecitazione a cui sono dovuti i dischi vertebrali.
  • Lavoro. Professioni in cui sono previsti movimenti che sollecitino la schiena o che prevedono una posizione seduta o in piedi nella stessa posizione per molte ore.

Come curare l’ernia del disco

Per la maggior parte delle persone con questo disturbo, i sintomi miglioreranno gradualmente grazie al riposo, ai trattamenti fisioterapici e ai farmaci prescritti e il recupero solitamente si ha entro due/tre mesi.

È importante che il paziente si mantenga il più possibile attivo, nei limiti permessi dalla sua condizione, per mantenere la mobilità della schiena.
Tra le attività più utili per curare l’ernia al disco c’è il nuoto, in quanto l’acqua permette di eseguire una vasta gamma di movimenti eliminando l’incidenza del peso corporeo del paziente.
Da evitare il sollevamento di pesi e l’eccessiva inattività, per esempio stando tutto il giorno seduti sul divano di casa.

Rivolgersi ad un fisioterapista darà una marcia in più al recupero. Un fisioterapista consiglierà gli esercizi più idonei alla specifica condizione del paziente e potrà intervenire anche con trattamenti di massoterapia mirati.

 

Comments are closed.

Argomenti

Contattaci

Call Now Button